Rivista "Umili Voci"

La rivista "Umili Voci"

     Nacque, per opera di Suor Clotilde Salvì, come bollettino nel giugno del 1948, a Pellaro (RC): un foglio a 4 facciate che riportava un pensiero spirituale e le cronache degli avvenimenti scolastici e di famiglia. S'intitolava "Umili voci di un grande apostolato". Direttore responsabile era don Giuseppe Caruso.

    Tra novembre-dicembre del 1954 la redazione passò a Tivoli e il bollettino subì una lieve modifica. Il primo articolo era sempre formativo, poi seguivano le cronache e le informazioni.

    La direzione passò a mons. Mario Iacovelli, parroco di San Giorgio, la chiesa attigua alla casa generalizia.

    Dal dicembre 1972 si è aggiunta la commemorazione del Padre fondatore, mons. Giuseppe Cognata e le pagine divennero 8. Nel 1984 mons. Mario Iacovelli fu sostituito da mons. Adriano Rocisvaldo Toto, parroco del Duomo, e il bollettino diventò rivista trimestrale.

    Nel 1989, in seguito alla morte di mons. Adriano Toto, la direzione passò a don Antonio Persili, tuttora responsabile, subentrato a mons. Iacovelli nella parrocchia di “S. Giorgio”.  

    La rivista, tra articoli formativi, parola del Fondatore e cronache di avvenimenti di famiglia, consta di 32 pagine; l'equipe redazionale, formata da suore Salesiane Oblate, è collaborata da diversi sacerdoti e laici che affiancano la Congregazione.

   

Calendario 2017

Ultimo numero