Spiritualità

La Spiritualità Oblativa

 Nel 1933 era in pieno sviluppo l'Anno Santo straordinario della Redenzione indetto e illustrato da Pio XI. Al centro: l'offerta all'Eterno Padre di Cristo in croce per il rinnovamento dell'umanità.

 L'Oblazione, come la intende mons. Cognata, nasce alla luce del divino Paziente, vittima offerta al bene dei fratelli. Da gran tempo egli portava in sé e meditava l'annuncio profetico:"E' stato sacrificato perché lo ha voluto e non ha aperto la sua bocca" (Is 53,7).

 Al momento perciò di fondare le "Oblate del Sacro Cuore" lo spirito della interna oblazione che lo consumava non poté non influire sulla scelta del nome, divenuta facile e normale trasmissione di vero e proprio carisma dello Spirito Santo.

 Una spiritualità cioè da vivere nel quotidiano, per l'assimilazione a Cristo e la fecondità delle figlie, il cui apostolato doveva restringersi alle diocesi di Calabria, ma che facilmente si estese in Italia e ne oltrepassò i confini.

Distintivi della fondazione

 Distintivi della fondazione: l'umiltà, la piccolezza, la ricerca dei luoghi più poveri e bisognosi di assistenza e formazione cristiana del popolo e della gioventù povera e trascurata.

"Raccogliete le briciole dell'apostolato" diviene così regola fondamentale delle nascenti Suore Salesiane Oblate del Sacro Cuore.

 Mons. Cognata gode nel presentare alle figlie Gesù come "Oblato Divino" e "Modello di Oblazione". Perciò esprime il desiderio che le figlie spirituali siano consacrate "in piena Oblazione" al Cuore di Cristo.

Il Patrono dell'Istituto

 Egli è innamorato di San Paolo, che lo ispira e dà come Protettore all'Istituto; e a lui conferisce il titolo di "Apostolo dell'Oblazione e della carità"; e così giunge a scrivere che la "carità è il distintivo proprio delle Oblate del Sacro Cuore di Gesù".

 "La parola d'ordine dell'Oblazione è: tutto per Gesù! Tutto alla sua gloria e alla santificazione delle anime". Per lo spirito misticamente illuminato di Giuseppe Cognata, sacerdote e vescovo, "gloria dell'Oblazione è "l'olocausto di amore filiale e generoso", vissuto nell'incruento Sacrificio Eucaristico, dove allo stesso tempo Gesù è Offerente e Offerto, morto e vincitore della morte".

Il carisma Salesiano Oblato in pillole

Spirito dell'Oblazione

 

 

L'Oblata è anima eminentemente eucaristica, perchè nel SS.Sacramento trova la piena realtà della perfetta unione con Gesù e il mezzo più degno per dar gloria alla SS.Trinità.

Ogni giorno offre se stessa su l'Altare del Sacrificio Divino con l'Ostia pura, santa ed immacolata per essere libera da ogni macchia di peccato e ricca di celesti benedizioni.